Il personale inesperto è il rischio più grande per la Cybersecurity

I cybercriminali, certo. E poi la maggiore sofisticazione e pericolosità delle minacce, che trova breccia in sistemi per la sicurezza spesso e volentieri inadeguati e non aggiornati. La violazione di dati sensibili e infrastrutture critiche all’interno di un’azienda ha sempre una spiegazione e – il dato è sorprendente fino a un certo punto – per l’87% delle grandi organizzazioni è il personale inesperto il principale «cyber risk».

Il dato, particolarmente preoccupante se consideriamo che la formazione degli addetti è tra i fattori che progrediscono più lentamente in relazione agli attacchi informatici, emerge dal rapporto «The Cyber Security Imperative» elaborato da Esi ThoughtLab (la divisione di Econsult Solutions che si occupa di thought leadership) in collaborazione con Willis Towers Watson e altre aziende specializzate in sicurezza e gestione del rischio.

Ebbene, la quasi totalità dei 1.300 manager intervistati su scala internazionale (l’87% per l’appunto) sostiene che il personale inesperto rappresenti il rischio maggiore per i crimini informatici. L’impreparazione, ma anche la scarsa avvedutezza degli addetti, insomma, incute dunque più timore di malware e spyware, phishing e cyber criminali, mentre la percezione di una minaccia varia in funzione del livello di maturità dell’organizzazione in materia di cybersecurity.

Le aziende definite come “leader”, nello specifico, tendono a concentrarsi di più sui cosiddetti “hacktivist” (voce espressa nel 52% dei casi) e su minacce interne dolose (40%), mentre il 42% delle “principianti” è maggiormente preoccupato da azioni dolose esterne (al 42%) riconducibili a partner e fornitori.

I manager che appartengono alla prima categoria investono di più in cyber-resilience (procedure da attuare a valle di incidenti informatici) rispetto a quelli della seconda. E ancora. Il 91% dei “leader” sostiene che gli investimenti effettuati finora siano adeguati a soddisfare i bisogni di sicurezza dell’azienda mentre tale percentuale scende al 33% nel caso dei principianti. L’80% delle organizzazioni censite, in generale, destina almeno un piccolo budget per l’acquisto di un’assicurazione cyber, e la cifra stanziata è maggiore nelle aziende farmaceutiche (in media 16,4 milioni di dollari di capitale assicurato) e minore nelle manifatturiere (in media 8,6 milioni).

Tornando allo studio, Corrado Zana, responsabile Cyber Risk Solutions di Willis Towers Watson per l’Europa Continentale, ha ricordato come la maggior parte degli incidenti di cyber security derivi da comportamenti errati del personale e da errori umani. «All’interno delle aziende – ha precisato in una nota – i leader investono ingenti risorse nella protezione dei sistemi informatici e nella gestione del rischio contro le minacce esterne, ma la formazione del personale, così come la cultura aziendale, giocano un ruolo di primaria importanza, più di quanto molti pensino. Per questo motivo, oltre a mitigare le minacce attraverso la tecnologia e il trasferimento del rischio, devono adottare una strategia di valutazione continua del rischio cyber». Una valutazione che deve considerare persone, processi e tecnologia.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Articolo di Gianni Rusconi

Rispondi